sabato 10 marzo 2012

LA SECOLARE TRADIZIONE DEL PRESEPE NAPOLETANO

Alle spalle di San Lorenzo Maggiore, scorre via San Gregorio Armeno, la conosciutissima via dei pastori e della non meno nota libreria Neapolis, dove è possibile rintracciare qualsiasi libro sull’arte napoletana, antica e moderna. Si tratta di uno dei cardini più vicini all’Agorà greca ed in alcune mura è possibile rintracciare l’esistenza dell’opus reticulatum, segno del collegio dove vivevano le sacerdotesse di Cerere; vi è poi la chiesa di San Gregorio Armeno, fondata da S. Elena, la madre di Costantino su un precedente tempio pagano. Tra strutture barocche e quadri dei più noti artisti napoletani si conserva il sangue di S. Patrizia, che fa invidia per precisione nello sciogliesi in date canoniche a quello del più celebre collega San Gennaro.
La strada è famosa in tutto il mondo perché è considerata un autentico santuario dell’arte presepiale, essendo costellata da numerose botteghe di artigiani specializzati nella fabbricazione dei pastori, i cosidetti figurari, affiancati da altri artigiani abili nella costruzione di elaborati presepi.
La via è costantemente affollata di turisti e curiosi, ma nel mese di dicembre la circolazione pedonale diventa difficile e laboriosa e per percorrere poche centinaia di metri occorre più di un’ora. 
Nel periodo natalizio infatti si offrono in vendita agli amatori veri e propri gioielli di arte, più che di artigianato e sono in mostra nelle botteghe spettacolari rappresentazioni della Natività.

Vendita di pastori a San Gregorio Armeno

Per fortuna i pastori di plastica, dopo un iniziale successo dovuto al basso costo, sono stati soppiantati da quelli tradizionali, eseguiti con antichi calchi e pazientemente dipinti a mano uno alla volta.

Un presepe napoletano del Settecento

Se si è fortunati e si possiede un portafoglio a mantice, è possibile acquistare qualche pezzo originale del Settecento, oggi rarissimi.
La tradizione di fare per le festività natalizie un presepe casalingo è per i napoletani una tradizione molto sentita e pochi sono disposti a rinunciarci. Si tratta di un’usanza che risale alla fine del Quattrocento, quando la fabbricazione delle figure principali diventa un mestiere specializzato.
Il massimo del fulgore viene raggiunto nel Settecento, quando tutti i ceti sociali furono presi dalla passione per il presepe a partire dallo stesso re Carlo III. Alcune creazioni nate in quel secolo con il concorso di veri e propri artisti, scultori ed ebanisti, costituivano una tappa obbligata per i numerosi forestieri che includevano Napoli tra le tappe fondamentali del Grand Tour.
Da alcuni anni vi è l’usanza, al fianco dei classici personaggi, dai re magi al Bambinello attorniato da mucca ed asinello, di forgiare dei pastori con le sembianze di personaggi, del teatro, della politica e dello sport. 
Si sono visti perciò, dopo Totò ed Eduardo, Bassolino e Maradona, mentre oggi vanno di moda l’impettito Di Pietro ed il cavaliere presidente, alias Silvio Berlusconi, per i nordici Berlusca, per le fanciulle in fiore Papi.


Il presepe di donna Elvira

“Te piace ‘o presepe”, “senza dubbio mi piace assai”, avrebbe risposto Ninno a Lucariello se si fosse trovato al cospetto del presepe di donna Elvira Brunetti in della Ragione, alias mia moglie, vincitore nel 1980 del primo premio a San Gregorio Armeno e quest’anno raddoppiato di dimensioni in onore dei nipotini Leonardo, Matteo ed Elettra.
Da tempo è in atto una guerra silenziosa verso la tradizione millenaria del presepe, in nome di un multiculturalismo abietto e fuori luogo. I grandi magazzini non vendono più i caratteristici pastori, con la scusa di una richiesta diminuita e va sempre più di moda l’albero di Natale, una usanza nordica che incontra sempre più adesioni.
Le due espressioni sono lo specchio di due diverse concezioni religiose: quella monoteista e quella animista. Infatti mentre il Bambinello ci ricorda il messaggio di pace e la buona novella, l’albero ci rammenta il periodo nel quale tutti noi vivevamo nelle grandi foreste.

Migliaro - Via S. Gregorio Armeno

Mettere insieme i due simboli è un modo corretto per conciliare tradizioni religiose differenti.
Nel presepe si rappresenta il momento culminante dell’amore di Giuseppe e Maria verso il loro fragile figlioletto, destinato in breve tempo a cambiare il mondo ed è triste constatare come, drogati dal consumismo, abbiamo trasformato questo magico momento in un rito di massa, con grandi mangiate e smodate libagioni, acquisti sfrenati ed una idolatrica prostrazione al dio denaro.

Ignoto del XVIII secolo - Figure di presepe

Anche il rito dell’albero, che vuole rammentarci il nostro passato nei boschi, quando le piante ci fornivano riparo dalle intemperie e grande messe di frutti deliziosi, è stato trasformato in un feticcio luccicante colmo di doni inutili e costosi. Senza tener conto della orrida strage di piccoli abeti sacrificati al dio Natale, una gigantesca legnificina che ci fa pensare ad Erode ed alla sua sete di sangue e di morte.Bisogna approfittare di questi giorni, in cui studio e lavoro presentano una pausa per riunire le famiglie, sempre più spesso separate per santificare la festa, aiutando il prossimo ed innanzitutto cercando di comprendere le ragioni degli altri.
Il presepe diverrà in tal modo il simbolo dell’amore familiare e della concordia sociale e, nell’armonica disposizione dei pastori, lo struggente ricordo di un mondo felice perduto da riconquistare.

Nessun commento:

Posta un commento