lunedì 1 dicembre 2014

Maurizio Valenzi, sindaco rosso ed eccellentissimo pittore

01 Maurizio Valenzi

02 Autoritratto

Artista centenario dal pennello smagliante


Maurizio Valenzi (01 - 02) è noto per la sua attività politica, culminata con la carica di sindaco di Napoli, che ha ricoperto dal 1975 al 1983, ma nello stesso tempo è stato un pittore attento alla realtà, ancora poco noto, ma meritevole di essere conosciuto ed apprezzato da un pubblico più vasto  e quale occasione migliore per parlare della sua produzione la concomitanza dell’annuncio del ministero dei Beni  e delle attività culturali e del turismo, il quale ha decretato che la collezione Valenzi, di proprietà della famiglia e della Fondazione,  riveste un eccezionale interesse artistico e va posta sotto tutela.
La collezione in questione non comprende unicamente ritratti, acquerelli, dipinti e disegni del Valenzi , ma anche opere di altri artisti, sia napoletani che tunisini, tra i quali nomi noti, come Carlo Levi e Renato Guttuso, oppure Emilio Notte(03), autore di una Natura morta con limoni, eseguita per suggellare una fraterna amicizia.
Molte opere sono del tutto inedite, mentre altre sono comparse negli anni in alcuni cataloghi in occasione di mostre, divenuti vere e proprie rarità bibliografiche. 
Tra questi spiccano le serie dedicate alla rivoluzione francese del 1789 ed a quella partenopea del 1799, oltre ad una decina di ritratti di noti personaggi della vita politica e culturale della città, come Mario Palermo (04), celebre avvocato, Luigi Cosenza (05), illustre architetto o Paolo Ricci (06), intellettuale animatore di un cenacolo letterario, senza dimenticare l’immortale Eduardo De Filippo(07), per il quale, dopo una decennale amicizia, eseguì i disegni per le vetrate di alcuni interni della sua commedia Uomo e galantuomo, messa in scena da Ugo Gregoretti poco dopo la scomparsa del drammaturgo.
Molti sono anche i disegni e gli schizzi, come la Ragazza(08), caratterizzata da segno deciso e colori solari per tratteggiare la figura di una giovane donna, oppure il Venditore di angurie (09), un dipinto su mattonella od anche un disegno su carta (010), per immortalare Litza, amata compagna di vita, che non si stancherà mai di ritrarre( 011 – 012), al pari della figlia Lucia (013) e del primogenito Marco (014), temibile giocatore di scacchi, col quale ho trascorso e trascorro tanti pomeriggi di aspri combattimenti sulle 64 caselle.
Un quadro patognomonico degli anni trascorsi a Tunisi e del suo impegno, prima che politico, civile, è senza dubbio Ergastolani a Lambaze (015), mentre l’ammirazione verso alcuni indiscussi maestri della pittura è ben espresso nei due omaggi a Garcia Lorca ed a Picasso(016 – 017).
Nell’ambito della sua vasta produzione vanno ricordati altri dipinti dedicati a Napoli: Incubo napoletano (018), il Corpo di Napoli (019) e Regata nel golfo (020).
Per il momento ci fermiamo qui, con l’auspicio che quanto prima la città dedichi alla collezione Valenzi uno spazio adeguato, così che possa essere ammirata da un pubblico più vasto di quello delle occasionali mostre sul pittore, che ricordiamo per inciso ha lavorato e prodotto ben oltre i limiti temporali di alcuni grandi artisti del passato, come Michelangelo, Solimena e Picasso, attivi fino a 90 anni, una bazzecola rispetto a Valenzi, che ha raggiunto i 100.
Per conoscere ora il personaggio prendiamo in prestito ciò che abbiamo scritto su di lui nel nostro libro (consultabile in rete) Quei napoletani da ricordare, nel capitolo “Il primo ed ultimo sindaco rosso della città” 
Sembra ieri, invece sono passati oltre 40 anni da quando a Palazzo San Giacomo si insediò il primo sindaco comunista, destinato a regnare più tempo del mitico Achille Lauro.
Egli voleva governare per il popolo e con il popolo ed inaugurò un nuovo modo di fare politica in mezzo alla gente, che voleva partecipare, discutere, decidere.
E quanto abbia inciso il suo operato sulla storia recente della città è ben compendiato dalle parole del Presidente Napolitano, suo vecchio e fraterno amico, in occasione del suo funerale nel giugno del 2009 davanti ad una folla di migliaia di persone: “Questa partecipazione corale, la città senza distinzione di parte, le Istituzioni, la società civile, ci dicono semplicemente che Maurizio Valenzi è stato una grande persona”.
Egli nacque a Tunisi nel 1909 da una famiglia ebrea di origine livornese e si dedicò sin da giovanissimo alla pittura, aprendo nel 1930 uno studio a Roma. E la pittura assieme alla politica saranno i suoi grandi amori, naturalmente oltre a quello per la moglie Litza Cittanova, sposata nel 1939, vissuta anche lei fino a 100 anni e dalla quale ebbe due figli: Lucia e Marco.
A metà degli anni ’30 aderì al partito comunista tunisino ed iniziò la sua militanza partigiana, oltre a collaborare al settimanale “L’Italiano”, a Tunisi e poi a Parigi alla “Voce degli Italiani”. Fatto prigioniero, venne liberato dagli alleati.
Egli, come ricorda Ghirelli: “Fu un artista ed un militante, la cui esistenza fu proiettata in una dimensione internazionale tra Livorno e Tunisi, Parigi e Napoli.
Nella capitale francese incontrò Giorgio Amendola e aderì al Fronte Popolare, partecipando alla lotta clandestina contro Mussolini ed il governo collaborazionista di Vichy, e fu costretto al carcere ed alla tortura. Il PCI lo inviò a Napoli per preparare l’arrivo di Togliatti e lì rimase, intrecciando un fecondo rapporto con i principali intellettuali; gli scrittori Compagnone e Rea, l’architetto Luigi Cosenza ed il matematico Renato Caccioppoli, con i quali si batté contro la guerra in Corea, per l’interdizione della bomba atomica e per il riconoscimento della Cina Popolare.
Fu intimo amico di Eduardo De Filippo, che gli dedicò una poesia e lo coinvolse in un progetto per insegnare un mestiere ai giovani reclusi di Nisida.
La sua carriera politica, prima di divenire sindaco, fu lunga: prima consigliere provinciale, poi senatore dal ’53 al ’68, consigliere comunale dal ’75 all’83 e poi parlamentare europeo. Chiuse come sindaco in un periodo agitato per la città, segnata dal colera e dal terremoto, ma si batté sempre per riqualificare Napoli attraverso la cultura come collante sociale.
Come tanti altri personaggi famosi descritti in questo libro, anche con Valenzi ho avuto l’onore di una lunga frequentazione, grazie all’amicizia col figlio Marco, abile giocatore di scacchi e conservo gelosamente un suo libro con dedica, che ha un posto d’onore nella mia biblioteca di 15.000 volumi.
Più volte sono stato nella sua splendida casa di via Manzoni, dove si godeva uno spettacolare panorama sul golfo di Napoli, che negli ultimi anni, libero da impegni politici, favorì la sua ispirazione di artista e gli permise di sperimentare nuove tecniche.
In un momento di confidenza mi disse: “Napoli è nel mio cervello dalla mattina alla sera. Il golfo è là dietro i vetri delle mie finestre, ho visto mutare le sue luci, cambiare lentamente il panorama, ma la cosa che più mi attrae è la gioia di una regata. La mattina quando mi alzo e passo davanti alla stanza dove sono i colori e le tele mi viene una maledetta voglia di chiudermi dentro e dimenticarmi tutto il resto”. Nel suo salotto troneggia un quadro dal quale non si era mai voluto dividere a nessun prezzo, perché raffigura il figlio Marco, temibile giocatore di scacchi, intento a risolvere una posizione di gioco ostica ed intricata. Quando licenziai alle stampe la mia biografia su Lauro, mi rammentò la sua dichiarazione fatta al suo funerale:” Un personaggio che ha fatto del male, ma ha saputo dare una certa voce a una città che era nelle retrovie del panorama nazionale, e per questo seppe battersi”. Ho ipotizzato una piazza per lui, il Comandante avrebbe diritto ad un riconoscimento per la sua presenza nella storia della città (“Achille Lauro Superstar”, pagine 116, consultabile in rete).


03 Emilio Notte
04 Mario Palermo
05 Luigi Cosenza
06 Paolo Ricci
07 Eduardo saluta
08 Ragazza
09 Venditore di cocomeri
010 Litza
011 Litza
012 Litza
013 Lucia
015 Ergastolani a Lambaze
016 Omaggio a Garcia Lorca
017 Omaggio a Picasso
018 Incubo napoletano
019 Il corpo di Napoli

Nessun commento:

Posta un commento